Oggi non vogliamo parlarvi di ricambi, usati o ricondizionati, ma dei 12 controlli principaliche consigliamo quando state per acquistare un escavatore usato.

PER CHE COSA LO USERETE?

Prima di decidere che tipo di escavatore usato comprare, dovete aver ben chiaro il tipo di uso che ne farete. Sembra una considerazione ovvia, ma non lo è affatto!

Applicazioni più dure, come lo scavo fronte cava, la demolizione, lo scavo in roccia richiedono macchine usate con non troppe ore, ben tenute e altrettanto ben controllate prima dell’acquisto.

Viceversa se intendete usare il vostro escavatore usato per movimentazioni terra leggere potete andare su mezzi più vecchiotti.

E QUANTO LO USERETE?

Altro parametro chiave: quante ore al giorno deve lavorare l’escavatore? Se deve andare su due turni, vi consigliamo caldamente una macchina nuova, mentre se dovete fare produzione su un turno e carico in continuo, scordatevi di comprare un escavatore usato con molte ore. Rischiate il bagno di sangue con la macchina sempre ferma e una fila di camionisti inferociti..

Diverso il discorso se state cercando una macchina accessoria, che lavorerà poche ore a settimana, senza l’assillo di dover finire prima di aver iniziato. Allora potete optare su macchine con più ore, magari anche non in perfetta efficienza.

Ricordatevi però che la sicurezza è sempre fondamentale, soprattutto quando si parla di macchine usate. Niente sconti su questo!

#6 CONTROLLI STATICI# da assolutamente fare per non avere sorprese si compra un escavatore usato

Più sarete precisi nel controllare, meno problemi avrete in futuro, comunque questa lista in sei passi è assolutamente da seguire

  1. La ralla di rotazione va controllata con attenzione dato che è uno dei ricambi più costosi in assoluto da sostituire anche perché richiede molta manodopera; spesso, a causa di cattivo utilizzo (sovraccarichi) e scarsa e insufficiente cura nella lubrificazione la ralla si danneggia.

#TRUCCO# Per controllarla? Fate ruotare la torretta di 90° e controllate la presenza di giochi o di instabilità nella rotazione.

2.. Verificate anche i perni e i cuscinetti sull’innesto del braccio e fra il braccio e avambraccio e fra questo e l’attrezzatura: dovranno essere ben serrati e comunque non presentare giochi troppo importanti.

3, Controllate la presenza di cricche o ammaccature su braccio e avambraccio soprattuto nella zona degli snodi. Un elemento criccato sarà da sostituire nel breve tempo, soprattutto se userete l’escavatore con continuità. Dovete cercare anche con attenzione ammaccature e altri segni di usura su tutto il telaio dell’escavatore.

Probabilmente nella maggior parte dei casi si tratterà solo di inestetismi, ma in alcune zone potrebbe essere segno di qualcosa di più serio. Tante ammaccature poi sono testimonianza di un cattivo uso della macchina (operatori inesperti o disattenti) e quindi possono far pensare a un’obsolescenza maggiore di quella visibile.

4. Cercate le perdite di liquido. Sia per l’impianto idraulico sia per quello di raffreddamento, ogni escavatore usato può avere perdite. In alcuni casi non sono gravi (guarnizioni o attacchi laschi) in altri possono essere il segno che c’è qualcosa di importante che non va. Intanto che cercate le perdite, raccogliete un campione di olio idraulico e fatelo analizzare da un vostro laboratorio di fiducia, potrete capire molto dalle analisi sullo stato dell’impianto idraulico in generale e, quindi, sul valore effettivo dell’escavatore.

5. Le ore sono quelle giuste? Se c’è un rapporto di fiducia con il venditore basta un’occhiata al contatore, se, invece, vi sembra che qualcosa non quadri, potete dare un occhio alle pedaliere (se sembrano troppo usurate rispetto alle ore ufficialmente lavorate).

6. occhio alla smerlatura (usura che si verifica tra i denti della benna, a forma di mezzelune)che  indica che l’escavatore ha una forza di penetrazione ridotta. Mentre ciò si verifica normalmente nel tempo e non significa necessariamente che la benna debba essere sostituita, è qualcosa da considerare quando si valuta il valore complessivo della macchina.

E poi … Provatelo!

E’ fondamentale avere la possibilità di provare l’escavatore usato che intendete acquistare. Certo le valutazioni visive e le analisi possono dare una robusta mano, ma non c’è niente di meglio di una classica prova per capire se è la macchina che fa per voi.

Il massimo sarebbe provarlo nelle condizioni di scavo, ma molto spesso questa possibilità non c’è e ci si dovrà accontentare di accenderlo sul piazzale del venditore e fare qualche test di movimento.

Ma non vi preoccupate, anche in questo caso, potete ricavare tante informazioni utili!

Ecco #SEI CONTROLLI#dinamici che sono ESSENZIALI per valutare un escavatore usato

  1. Controllate la presenza di giochi sui bracci durante il movimento
  2. Verificate il comportamento della macchina sotto sforzo (nel caso possiate scavare)
  3. Ascoltate il motore! Rumori irregolari, presenta eccessiva di fumo, discontinuità nell’erogazione di potenza sono fattori di rischio da considerare
  4. Fatelo muovere! Effettuate una traslazione di almeno 50 metri e verificate le condizioni operative e la risposta di scavo a fine traslazione In caso di escavatori recenti, verificate la risposta ai comandi simultanei e gravosi; vi dirà molto sullo stato dell’impianto idraulico e sulla taratura dell’elettronica
  5. Quando i comandi sono elettroidraulici, verificate eventuali perdite in cabina
  6. Controllate il corretto funzionamento della ventola di raffreddamento e, in generale, eventuali perdite nel sistema di raffreddamento